Un albero mi ha detto…

Un albero che si chiama Nocciolo finalmente ha parlato. Da bambina ho sempre sperato che lo facesse, e quando guardavo quei cartoni animati dove i giocattoli, di notte, prendevano vita, mi convincevo che il mio albero prima o poi si sarebbe deciso a regalarmi una sua parola. Da grande non ci ho pensato più, dimenticandomi della mia illusione. Oggi improvvisamente ha parlato!!!

 Ero appoggiata con la schiena al tronco, stavo cercando un po’ di frescura e aria pura mentre finivo di leggere un libro, scansando qualche formica che si arrampicava sulle pagine. A un tratto mi ha detto: “ Ehi Anna… non ti spaventare sono io, il tuo albero preferito”. Sentendo il battito del mio cuore accelerare ha aggiunto: “Ma come, hai paura di me ora? E’ una vita che vuoi conoscermi! E dai non rimanere senza parole, proprio tu che hai sempre tanto da dire!” Poi ha iniziato a domandarmi delle cose, ma io gli ho raccontato poco perché rispondevo a monosillabi, il timore di avere le allucinazioni mi seccava la gola.

 Mi ha rimproverato perché anche se sono una green girl e tutti i giorni ho un pensiero per la natura, non lo vado a trovare sempre. A volte, per giunta, sono di cattivo umore, e non ammiro neppure la sua chioma. Arrivo, mi siedo e inizio a perdermi tra le parole delle pagine di quello che sto leggendo, oppure tra i pensieri che affollano la mente. Così si sente trascurato perché è una presenza assente. Sostiene che in queste circostanze non osservo neppure se il colorito delle sue foglie sia di un verde acceso oppure di un verde spento, mi preoccupo solo di guardare dove sedermi per non sporcarmi le gambe di terra.

 Dice che non sempre mi capisce perché è complicato leggere lo sguardo o i gesti del corpo. Quando sono da lui è contento e sorride con le foglie, ma io non me ne sono mai accorta perché lo credevo vento. Secondo lui noi uomini non facciamo caso a molte cose quando si tratta della Natura. Siamo anche un po’ freddi, ad esempio ci vergogniamo ad abbracciare un albero che conosciamo…

 Mentre mi spiegava queste cose, e io avevo iniziato a sperare che il tempo si dilatasse, ci siamo dovuti salutare, perché lui non aveva linfa sufficiente per far tutto. Mi ha promesso di chiacchierare di nuovo molto presto, e io ci credo perché la Natura mantiene le promesse 🙂

Anna Simone

P.S. Post frutto di fervida fantasia!!!

Forse potrebbe interessarti anche:

Avete mai adottato un ulivo?

Si può vivere di poesia?

Un pensiero su “Un albero mi ha detto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...