Bruttura e inquinamento, inizia tutto con l’edera

L’onda del momento è l’edera finta. In vasi di plastica, rampicante su pannelli, rampicante su colonne. Verde chiaro o scuro è lei, finta quanto triste.

Con tutto l’impegno possibile non capisco il senso. “Che mi viene a significare”, direbbe il commissario Montalbano, il ricorso all’edera finta se quella vera è ritenuta una delle piante più resistenti al mondo e con pochissime pretese?

Invece no, alcuni individui preferiscono ricorrere alla pianta in plastica.

Così mentre qualcuno pensa a rinverdire il grigiore cittadino con tetti verdi, persiane fiorite e orto sui balconi, altri non trovano migliore idea dell’edera in plastica. Sono ovunque, dalle abitazioni private, agli alberghi, passando per tutti separé possibili e immaginabili. Fateci caso quando vedete delle piante di edera, per lo più sono di plastica 😦 Dunque appena saranno impolverate o annerite dallo smog, siccome sono finte e non possono autorigenerarsi, verranno gettate nella spazzatura.

Questo è un post-appello: rifiutiamoci di alimentare il mercato dell’edera in plastica. Ne siamo sommersi tra pet, hdpe, pvc, ldpe, pp, ps, non c’è cosa che non abbiano pensato a farla in plastica… alla sera alcune volte anche il pane ha un sapore di plastica!!!

Allora perché non comprare una bella piantina di edera vera e farla arrampicare dove più ci piace, per tentare di dare un tocco di verde senza inquinare? Perché non regalarla a tutti i vicini che abbiamo visto ricorrere all’edera finta per i loro balconi? Magari allegando anche un piccolo foglietto con tutte le proprietà benefiche della pianta vera: antireumatiche, antinevralgiche, detersive e anticellulite?

Anna Simone

11 pensieri su “Bruttura e inquinamento, inizia tutto con l’edera

  1. Gaetano Fraioli

    .. la tolleranza è d’obbligo … ma anche il giudizio:

    … rappresentano (per me) un non valore,
    una inutile desolazione,
    una disarmonia rumorosa (quasi cosmica).

    …. esiste l’edera vera! ma allora perchè?

    … forse è un virus.. oppure una mutazone genetica; i nostri figli saranno fatti di plastica? ed anche il pianeta terra?
    E’ veramente un incubo… svegliamoci… prima che neuroni di plastica inizino a colonizzare il nostro cervello.
    Un saluto!

  2. Yenni

    vero! che brutte che sono. mi aggiungo anche io al vostro pensiero, quelle vere sono stupende e profumano l’aria circostante uhm ogni volta che le annuso sorrido sempre.
    nella mia città hanno messo le finte edere in una rotonda ed è una cosa oscena bruttissima.

  3. mario

    non tutte le edere finte fanno schifo! Io volevo prendere un ramoscello di un’edera ramicante stupenda ma non riuscivo a staccarla…era di plastica! Forse più che il buon gusto sono i soldi che uno vuole spendere…

    1. Ciao Mario…è vero ci sono delle edere finte che sembrano vere. Perchè ripiegare sulla bellezza naturale riprodotta con la plastica se possiamo avere quella originale?
      Non costa molto una pianta piccola che poi diventerà grande rapidamente:-)

  4. Pingback: Eutrofizzazione, ecco che fine fa l’acqua del lago |

  5. Pingback: Pneumatici come fanno a sparire nel nulla?! |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...