I parrucchieri non bio sono un problema

parrucchiere bio

Con la testa piena di sostanze chimiche e con un taglio che non piace, così mi sono ritrovata all’uscita dal parrucchiere. Ci sono andata qualche giorno fa, in un nuovo in cui non avevo mai messo piede. Appena entrata dopo aver superato lo shock termico, tra il caldo di fuori e la temperatura polare di dentro, inizio a osservare  gli scaffali pieni zeppi di prodotti, tantissimi prodotti e tutti chimici ovviamente. In un attimo sprofondo sul divanetto della sala d’attesa, capisco che sarebbe stata dura non farglieli usare su di me.

La faccio breve: quando vado dal parrucchiere ho solo bisogno di qualcuno che li tagli e che chiaramente li lavi e li asciughi con quello che poi io userò a casa ovvero shampoo biologico, fon e diffusore, il resto non mi interessa anzi mi infastidisce.

Nonostante i tentativi di opposizione mi sono ritrovata con balsamo, crema modellante e lacca in quantità eccessiva. Per non parlare del taglio, troppo corto su di me! Il risultato è una sorta di” fungo” in testa. Che poi l’avevo avvisato “tieni presente che sono tanti e ricci, asciutti hanno molto volume”. Niente, infatti non è rimasto che metter della lacca per abbassarli.

Comunque sono tornata a casa e la prima tappa è stata la doccia. Non ho trovato di meglio che lavarli nuovamente, solo con acqua. Da pazzi ok, ma meglio che tener una specie di steppa in testa :-)))

P.S. Mentre il genio li tagliava commentava con una sua amica a  prima vista mia coetanea (di quelle con i capelli “piastrati” e colorati centinaia di volte) che i miei erano molto sani, lucenti, resistenti e così via, chiedendomi cosa mettessi. “Niente, solo lo shampoo biologico, e tengo il color castano con cui sono nata“. L’avranno capito che meno intrugli si usano e meglio è?

Anna Simone

12 pensieri su “I parrucchieri non bio sono un problema

  1. sorrido… se la tipa accanto a te era giovane come te… lo capisco… ma se a 50 anni come me iniziano i capelli bianchi… ho voglia d’invocare i miei capelli castani dalla nascita…

    1. Aurora

      Carissima Patrizia, io ho a momenti (dicembre prossimo) 60 anni… quindi, posso parlare.
      Oltre tutto, per motivi di lavoro mi interesso da decenni di sostanze tossiche, verso l’uomo e verso l’ambiente, quindi ho delle referenze per cui mi puoi leggere, ed ascoltare. Bene, dopo aver studiato praticamente 30 anni fa che quasi tutti i prodotti coloranti per capelli sono a base o danno luogo per reazione chimica (quella che rivela il colore, per dirla come la dicono gli acconciatori) a composti cancerogeni, per la precisione ad ammine aromatiche più o meno famose, ho deciso che non mi sarei mai e poi mai tinta i capelli, così come non mi sarei mai fatta fare la permanente, che all’epoca si eseguiva con un compsto – la parafenilendiammina – che poteva provocare brutti coccoloni, sia pure a livello allergico.
      Ho portato le meches sino a poco meno di 10 anni fa, poi ho deciso di tenermi i miei bellissimi capelli grigi: di me, dico che ho i “colpi di luna” naturali. Anche io ho dei bellissimi capelli, peraltro portati corti ma senza eccedere, ed anche il mio parrucchiere di prima così come quello di adesso (per inciso, ho cambiato perchè ho cambiato casa e sono in un quartiere a 12 km di dove stavo prima) mi hanno sempre fatto i dovuti complimenti; dirò di più: talvolta, entrambi, mi hanno per ovvio dovere di mercato proposto qualche “aggiustamento”, visto che gli anni ci sono ma le rughe per fortuna mia naturale no, nemmeno sul collo. Ed hanno sempre dovuto ammettere che sì, l’effetto ottico sarebbe stato eccellente ma quello tattile non avrebbe avuto la stessa qualità.
      E siccome sono un soggetto diciamo bizzarro di carattere ancora mi capita che qualcuno più in confidenza mi faccia una stofinata di capelli come si fa ai ragazzini birbanti: sappi che puntualmente mi sento dire, magari da colleghi coetanei o giù di lì, “ma che bei capelli che hai, morbidi morbidi e lucidissimi!”.
      Ecco.
      A parte che il mio parere è che “i capelli bianchi aggiungono tono e distinzione”, so per esperienza che richiedono molta più cura persino di quelli colorati artificialmente ma so anche che io sono quotidianamente a contatto, sia cutaneo che per inalazione che purtroppo per ingestione, con una discreta quantità di sostanze pericolose ambientali, come tutti noi specie se viviamo in una metropoli, dunque se posso evitarmi di assorbirne altre che so possono avere effetti orribili lo evito.
      Un’ultima notazione: per motivi familiari assai tristi, ebbi modo anni fa di rendermi conto in un reparto oncologico femminile che tutte, e dico tutte, le donne che c’erano avevano i capelli tinti; se vai nella parte delle convalescenze ti accorgi che tutte hanno almeno 1/2 cm. di ricrescita che rivela la colorazione, mentre nei normali reparti di chirurgia, o cardiologia etc. ciò non si evidenzia in quel modo clamoroso.

      Tu che farai, adesso che lo sai? Ti rassegni al fatto che gli anni passano e il trascorrere del tempo ci arricchisce umanamente e pertanto non va nascosto, o continuerai a pretendere di sembrare una 30enne magari presentando una tua figlia ampiamente 20enne ?

      1. @Aurora
        Aurora si chiama la mia mamma…
        ha 83 anni… una donna vitale…
        sempre molto curata…
        con eleganza…non cade mai nel ridicolo…
        ha rispetto della sua età…nel rispetto altrui.
        Non fuma, non beve, attenta con l’alimentazione…
        quasi ai confini del paranoico…
        L’anno scorso… ha subito una mastectomia…
        gli ambienti oncologici li ho conosciuti in fretta…
        troppo…
        Mio padre l’ho perso all’età di 59 anni…
        altra persona al pari della mamma…
        sempre molto attento…in tutto…
        infarto fulminante…
        Ho perso il mio più caro amico,
        attento anche lui, nonchè molto preciso…
        lavorava nel campo della medicina…
        Ho dedotto che questa vita a volte,
        ci toglie molto…
        Ogni giorno soltanto se usciamo respiriamo gas tossici che ci nuociono alla salute…
        fumo passivo e non che ci danneggia..e tanto altro ancora che non ho bisogno di elencarti
        perchè tu donna intelligente sai…
        Da parte mia posso soltanto dirti che non ho bisogno di gareggiare con nessuno…
        l’esteriorità per me ha un peso relativo…
        ma lavorando nel pubblico devo dico devo avere rispetto di me stessa nella mia semplicità.
        Ho un figlio maschio di 21 annni, quindi nulla di ciò che mi scrivi nelle ultime righe… è vero…
        Ho un marito di 10 anni più piccolo di me… che per una banale rapina notturna
        ha un diabete forte e ballerino…
        sai cosa ti dico? Nel mio vivere quotidiano sicuramente… eviterò di strafare…
        lo devo a me stessa prima di tutti gli altri… ma qualche piccolo vizio lo lascio correre…
        La vita è un dono meraviglioso di cui prendercene sempre cura…
        ma con il dovuto equilibrio… del resto nei reparti di oncologia…
        purtroppo ci sono anche bambini… che non hanno mai tinto i capelli… mai fumato e …
        nemmeno vissuto!
        Patrizia

  2. Anna, io ti consiglio di fare in questo modo: quando vai dal parrucchiere porta con te i prodotti che utilizzi a casa (shampoo e balsamo bio, ad esempio) e sii ben chiara da subito, cioè specifica che vuoi che su di te vengano usati solo quei prodotti, e che non vuoi che durante la piega ti venga applicato alcun tipo di lacca o gel modellante.

    Sei una cliente, paghi, dunque hai il diritto di decidere come vuoi che venga fatto il lavoro. Oltretutto, i capelli ci mettono un po’ ad abituarsi allo shampoo bio (per lo meno, nel mio caso è stato così), dunque se ogni volta che vai dal parrucchiere ti lavano la testa con i prodotti pieni di chimici è uno stress per il capello, che poi deve riabituarsi di nuovo.

    Non sei nemmeno tenuta a dare spiegazioni al parrucchiere, però se ti va puoi tranquillamente dirgli/dirle la verità: che sei abituata ad usare solo prodotti naturali, privi di parabeni, siliconi e altri chimici, e che visto che ti trovi bene con quelli preferisci usarli anche quando vai dal parrucchiere.

    Non c’è nulla di male, se tutti quelli che hanno un briciolo di coscienza eco-bio cominciassero ad agire in questo modo, forse i parrucchieri inizierebbero a dotarsi anche di prodotti più naturali e puliti 🙂

    1. Ciao Giuliana! Hai ragione, dovrei portami i miei prodotti dietro… solo che una volta l’ho fatto e poi mi sono vergognata a chiedere di usare quelli 🙂 Al prossimo taglio di capelli ritento con convinzione!
      Grazie
      Anna

  3. leggo, appassionatamente, di donne giovani e meno giovani, e mi sento molto legata a tutte per motivi diversi…..
    sono mamma da 2 anni, ho 43 anni, da tre anni sono diventata coltivatore diretto, prima mi occupavo di comunicazione e internet per le aziende…. oggi di prodotti agricoli!!!
    combatto tra prodotti bio, medici allopatici e prodotti sani e medici omeopatici e alternativi….. è una giungla!!! la lotta è davvero aperta!
    ma siamo diventati tutti pazzi?????
    scusate…. in coscienza: ogniuno di noi…. vuole vivere, bene, si o no?
    perchè ci siamo trovati di fronte a questo bivio?
    la risposta è lapalissiana!!!
    cosa sta succedendo????
    meglio morire giovani… e male????
    io da da mamma non voglio morire presto, nè vorrei che il mio bimbo moririsse giovane e forte magari esteriormente fighissimo….. ma fragile come un giunco!

    DIAMOCI UNA SVEGLIATA!!!!! il mondo è una cosa vera….. non si può giocare tanto…
    io l’ho fatto, a mie spese, e il tempo è passato davvero!!!!

    1. Ciao Simona, grazie per l’intervento!
      Sì forse siamo diventati tutti pazzi… le sostanze di sintesi a non finire sembra siano diventate il nostro nuovo credo:-(
      Basterebbe informarsi un po’… i prodotti naturali sono migliori e a fronte di una piccola spesa ci si guadagna in salute:-)
      Anna

  4. Pingback: Caduta o fragilità dei capelli: uovo, olio e limone! «

  5. Pingback: Rimedi naturali per la caduta dei capelli «

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...