Gargano: perchè non andar via!

La verità è che dal Gargano non sarei voluta andar via! Ci sono stata da poco  per via del #GarganoEcoTour organizzato da Pizzicato Eco B&B e da Non solo Turisti. Quattro giorni all’insegna delle risate con i pazzi compagni d’avventura, condite dalla simpatia delle persone del luogo, che ci hanno portato in luoghi sorprendenti 🙂

gargano isole tremiti

Credo che la magia del Gargano dipenda dal fascino delle tradizioni. Sembra di vivere in un presente ancorato alla bellezza passato, ma che sa contaminarsi della straordinarietà delle prospettive future.

foresta umbra

Nonna Caterina, nonna Filomena e la signora Maria sono degli esempi perfetti. La prima l’abbiamo conosciuta nella sua Pizzeria da Tony, a Vico del Gargano. Si è messa lì con santa pazienza a insegnarci come fare la tradizionale paposcia garganica. Tra una spiegazione e l’altra ha poi raccontato gli intrecci della sua vita legata al forno, il suo periodo in Germania, il ritorno a Vico, il difficoltoso inizio dell’attività. Insomma,  la paposcia vichese è buonissima ma dietro c’è anche il lavoro di persone che non l’hanno lasciata andar via nel dimenticatoio. Oggi il nipote Giuseppe, 24 anni,  aiuta a mandar avanti l’attività di famiglia e sembra aver imparato perfettamente i trucchi del mestiere:-)

pizzeria da tony

Altra donna eccezionale è la signora Maria che tesse con un antico telaio, di quelli davvero storici che funzionano manualmente. Anche il suo è un lavoro che richiede fatica fisica, fantasia, pazienza e tempo. Servono giorni per preparare i fusi, per ripetere sui tessuti naturali i disegni antichi, eppure, lei è straordinariamente soddisfatta di ciò che crea. Entrare nella sua bottega di Vico è come mettere piede in un posto senza tempo. Tutto profuma di legno, pietra, lana, canapa, cotone. L’unico neo è che non trova giovani a cui tramandare il mestiere. Maria insegnerebbe gratuitamente quest’arte… quindi se ci fosse qualcuno interessato tra i lettori, contattatela la rendereste felice 🙂

antichi tessuti a vico del gargano

Tornando alla gastronomia, un super applauso va a nonna Filomena del ristorante Il Giardino di Ischitella, che udite udite ha messo noi blogger a fare le famose orecchiette pugliesi 🙂 Acqua, farina, lavoro di braccia e mani per impastare, e naturalmente tempo e pazienza. Questa gara l’ho vinta io, da non credere ma le mie orecchiette erano quelle che avevano una forma più vicina alle originali! Tutto merito della nonna Filomena che a un certo punto ha salvato la massa della sottoscritta che navigava nell’acqua:-)

ristorante il giardino ischitella

Per equilibrare l’abbondante cibo gli organizzatori hanno pensato bene di includere passeggiate in luoghi incantevoli. Con Maria Ritoli e Giovanna Scoccio del gruppo archeo-speleologico Argod  abbiamo visitato Torre Mileto e Santa Maria di Monte Devio. Torre Mileto, nel comune di San Nicandro,vanta un passato glorioso: faceva parte di circa 140 torri d’avvistamento utilizzate come forma di difesa per contrastare gli attacchi dei saraceni. Nel corso dei decenni hanno pensato male di convertirla a usi differenti varie volte. Ad esempio la Guardia di Finanza quando la adoperava come caserma ha aggiunto un paio di livelli… chissà forse serviva più spazio!  Ai piedi della torre, inoltre, sono stati scoperti resti piuttosto superficiali di antiche costruzioni, ma per mancanza di fondi il cantiere archeologico non è ancora partito. Per giunta siccome si trova in riva al mare in un posto mozzafiato spesso le persone entrano con le macchine calpestando con pneumatici secoli di storia. Da folli non salvaguardare questo frammento di Italia antica.

torre mileto, san nicandro

La tappa successiva è stata la città di Devia nel  parco archeologico di Monte Devio. Completamente intatta la chiesa di Santa Maria che dopo anni di lotte è stata ristrutturata e sottratta dalle grinfie di un pastore che se ne era appropriato usandola come stalla per animali. Eh già, vacche, pecore, cavalli e così via avevano l’onore di mangiare e dormire dentro un luogo artistico con tanto di disegni sulle mura, capaci di incantare per ore.

santa maria di devia

Un sentito grazie ragazzi per averci portato in luoghi imperdibili! Il resto sul prossimo post:-)

Nel mentre chi volesse leggere gli altri punti di vista, le simpatiche canaglie che hanno partecipato al #GarganoEcoTour sono:

E naturalmente Pizzicato Eco B&B

Puglia Events con Carlo e Marzia

Domenico di Amara Terra Mia

Anna Simone

P.S. Una breve  anteprima video, curata da Puglia Events 🙂

P.S.2 Se vi è venuta voglia di andare sul Gargano vi consiglierei una vacanzella free, in che modo? Grazie al baratto che propone Giuseppe 🙂

2 pensieri su “Gargano: perchè non andar via!

  1. Pingback: Avete mai adottato un ulivo? Io… «

  2. Pingback: Vita green di una ciclista |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...