Fichi d’india, sapori antichi quasi dimenticati

Il fico d’India deve aver trovato un terreno ideale nel mio paesello d’origine: è ovunque. In questo periodo i frutti stanno maturando; i tocchi di arancione e rosso contrastano con il blu del cielo e il verde del resto della vegetazione e non passano inosservati. E’ buffo, durante il resto dell’anno hanno una presenza discreta, a tratti inesistente, invece, ora calpestano il palcoscenico naturale con un ruolo da protagonisti.

fichi d'india

“Fico d’India”… sarà una pianta importata dall’India, mi sono detta qualche tempo fa. Ah l’ignoranza! E’ originaria del Messico e probabilmente fu Cristoforo Colombo a renderla popolare nel caro Vecchio Continente quando rientrò a Lisbona. Certo che dovevano essere ricche di fascino queste spedizioni, con viaggi interminabili, scoperte incredibili e rientri in patria, se si riusciva a tornare, con quante più prove possibili di quello che c’era dall’altra parte dell’oceano. Ed erano tutte novità. 

Ad ogni modo, il fico d’India mi piace perché è una pianta con “carattere”, è indipendente, suscita curiosità, è forte e se ne sta lì per conto suo senza bisogno di dover chiedere niente. Se piove bene, altrimenti può farne a meno per un bel po’, come tutte le piante grasse. Per non parlare delle proprietà dei suoi frutti: un concentrato di minerali, soprattutto di calcio e di fosforo, e di vitamina C. Possono essere mangiati freschi, o utilizzati per la produzione di succhi, liquori, marmellate, dolcificanti. Meriterebbero di essere rivalutati, vero?

Anna Simone

Forse potrebbe interessarti anche:

Fico d’India si spalma, non si mangia!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...