RaeeParking, la raccolta vicino casa di rifiuti elettrici

A Milano è attivo RaeeParking, un progetto sperimentale di raccolta itinerante dei rifiuti elettrici ed elettronici, grazie a un container.

RAEE PARKING.jpeg

Diciamo la verità, spesso in casa conserviamo cellulari vecchi, asciugacapelli mal funzionanti, lampadine esauste, tostapane arrugginiti e così via, perché per pigrizia non abbiamo voglia di portarli nella ricicleria comunale più vicina!
Il nuovo sistema del comune Milano, promosso dall’Amsa e dal consorzio Ecolight, aiuta coloro che vivono nella città meneghina.

Come funziona
C’è un container automatizzato che gira stazionando in cinque diverse postazioni per un periodo di circa due mesi ciascuna. L’utente deve inserire nell’apposita fessura la Carta regionale dei servizi, selezionare il tipo di rifiuto da conferire, inserirlo all’interno dello sportello dedicato che si aprirà in automatico ed estrarre la carta.
Tra l’altro, fino al 20 gennaio 2017 chi porta al RaeeParking o al Centro ambientale mobile i raee accumula punti per il concorso Premiami, cioè può vincere una delle nove biciclette E-run messe in palio. Anche se non si è tra i vincitori, si può concorrere per portare a casa una delle tre bici E-way, che verranno assegnate a sorte tra i partecipanti al concorso. Mi sembra saggio iscriversi e darsi una possibilità, o no?!

premiami

Calendario
Queste sono le cinque località in cui verrà posizionato il container nei 10 mesi della sperimentazione:

  • dal 21.3 al 19.5 Giardini Indro Montanelli, ingresso via Palestro
  • dal 20.5 al 19.7 Via Bisi Albini, dopo via Filippi Filippo
  • dal 20.7 al 19.9 via Quarenghi 32
  • dal 20.9 al 17.11 viale Legioni Romane 54
  • dal 18.11 al 20.1 via Oglio, angolo via Mincio

Buona raccolta e in bocca al lupo per il concorso,
Anna Simone

6 pensieri su “RaeeParking, la raccolta vicino casa di rifiuti elettrici

      1. Io sono della bassa bergamasca, ed anche qui, se hai il composter puoi richiedere uno riduzione sulla tassa dei rifiuti, non è molto, ma nemmeno nulla, insomma un piccolo passo…Sono tanti i comuni che hanno aderito a questa iniziativa…Per noi avere il composter per l’umido è una cosa normale…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...