Earth day, gli eco consigli per far bene alla terra con il compost

Da una corretta raccolta differenziata della parte organica dei rifiuti viene fuori un ottimo compost. A cosa serve quest’ultimo?
Dal Cic, Consorzio italiano compostatori, arrivano dei consigli di utilizzo in occasione della giornata della Terra, che si celebra il 22 aprile.

unnamed

“Trasformare gli scarti organici in compost è uno dei modi per contribuire all’uso sostenibile delle risorse – spiega Massimo Centemero, direttore del Cic –.
Il suo impiego svolge una triplice azione nel terreno: reintegra la sostanza organica (carbonio) e i principali elementi nutritivi (azoto, fosforo, potassio); aumenta la porosità rendendo il terreno più facilmente lavorabile; riavvia i cicli biologici favorendo la presenza di batteri e lombrichi”.
Oltre a mantenere la fertilità dei terreni, il compost permette di ridurre l’impiego di risorse non rinnovabili utilizzate per produrre fertilizzanti chimici, riducendo allo stesso tempo la quantità di scarti organici da smaltire.

Cosa si può compostare
Tutti gli scarti, i residui e gli avanzi di ogni tipo organico aggredibili dai microrganismi. Vanno evitati i rifiuti non biodegradabili, o contaminati da sostanze pericolose, tossiche o nocive.
Dunque, sì a scarti di frutta e verdura, a scarti vegetali del piatto crudi e cotti, alle foglie delle piante, agli scarti vegetali di orti, parchi e giardini. No a gettare nel cestino dell’umido vetro, plastica, carta, barattoli di latta o alluminio che contenevano cibo, e no a scarti di legname trattato o verniciato.

Curiosità
Il sughero è un materiale naturale e biodegradabile, meglio preferire vini confezionati con tappi in materiale naturale come il sughero a quelli realizzati in plastica.
Diventano compost anche i resti di cibo secco degli animali domestici, senza tralasciare che nella raccolta dell’organico possono essere gettati fazzolettini e tovaglioli di carta. Infine, tornando dalla spesa, si avrà sempre per le mani lo shopper monouso in materiali vegetali, che è compostabile solo se è evidenziata la dicitura “compostabile” e può essere utilizzato proprio come sacchetto per conferire i rifiuti umidi.

compost

Come utilizzare il compost

Nell’orto come fertilizzante organico. Le dosi consigliate dal Cic sono di 2/3 kg a mq: è necessario distribuire il compost su terreno e interrarlo con una vanga nei primi 10-15 cm.

Come substrato di crescita sia per piante da orto che ornamentali: bisogna creare una miscela di compost (50%) e torba o terriccio che avanza da vasi vecchi, sufficiente a riempire il vaso.

Come fertilizzante per piantare alberi e arbusti: è necessario miscelare compost e terreno in parti uguali, disporre la miscela sul fondo della buca di piantagione (10 l/buca) e posizionare la pianta per poi coprire la buca con altra terra.

Per la pacciamatura: permette il controllo della crescita delle erbe infestanti, favorisce il mantenimento di una giusta umidità del terreno e il reintegro di sostanza organica. Va distribuito uno strato di 3-5 cm sul terreno, alla base delle piante o degli alberi da frutto, e ripristinato ogni 2-3 mesi.

Il marchio di qualità del Cic
Nel Belpaese dal 2003 è attivo un programma di verifica volontaria della qualità del compost, realizzato dal Consorzio italiano compostatori. L’obiettivo del marchio è rendere identificabili i prodotti che rispondo a requisiti di qualità fissati.

Buona raccolta differenziata,
Anna Simone

5 pensieri su “Earth day, gli eco consigli per far bene alla terra con il compost

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...