Come conservare la frutta estiva

La bella stagione è la più ricca per la scelta di frutta, frutta che quanto a sapore, a mio avviso, non ha termini di paragone con quella invernale.
Come conservarla al meglio per evitare gli sprechi alimentari?
La prima regola è semplice: lasciare un frutto maturo nella fruttiera accelera la maturazione di tutti gli altri. È bene evitarlo.

cherry-167341_640

L’ananas, l’anguria e il melone hanno una buccia resistente così possono rimanere fino a due giorni fuori dal frigorifero, anche durante l’estate.
Al contrario, uva e pesche hanno una buccia sottile quindi vanno messe subito in frigo, ad ogni modo si possono tenere a temperatura ambiente per circa 24 ore.
I frutti di bosco, le fragole o le albicocche vanno disposte su un piatto piano senza sovrapposizione per evitare la compressione.

A seguire, le fette di anguria, di melone o di cocco – frutti che devono essere prima lavati con cura e solo dopo tagliati -, si possono conservare solo in frigorifero, protette da pellicola trasparente con l’accortezza di disporre le fette in modo da far passare un po’ di ossigeno, perché senza aria si favoriscono i processi di fermentazione. Ergo, no a frutta tagliata e poi “sigillata” in contenitori di plastica!

In ultimo, acquistiamo solo frutti di stagione, sono più saporiti e salutari.

Anna Simone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...