Spugna Konjac, come si usa per avere la pelle più bella

Le scoperte sono per lo più casuali. Come l’esistenza della spugna Konjac, che uso da qualche mese e mi piace tantissimo l’effetto che sto avendo sulla pelle.
È naturale perché ricavata da un tubero di origine asiatica (la patata Konjac o konnyaku) e grazie alla struttura magliata di fibre vegetali è super morbida, ma nello stesso tempo stimola la circolazione sanguigna e favorisce il rinnovamento cellulare.
konjac7
Risultato? Pelle più pulita, luminosa e liscia al tatto!
La uso alla sera dopo essermi struccata, basta bagnarla sotto un getto di acqua corrente e passarla sul viso massaggiando con movimenti circolari. Quando finisco, la strizzo dolcemente e la lascio seccare all’aria. Una volta asciutta si indurisce, ma sarà sufficiente bagnarla per farla tornare nuovamente soffice.
Sono già alla seconda spugna Konjac, che ha pure il vantaggio di essere del tutto compostabile, infatti, va gettata nel cestino della raccolta dei rifiuti organici.
Ho una sola raccomandazione da farvi: prendete un prodotto confezionato pensando all’ambiente. L’ultima spugna Konjac che ho acquistato online (la trovate anche nei negozi bio o nei supermercati più forniti) era in una scatola piuttosto grande di plastica rigida, a cui si aggiungevano delle parti in carta plastificata. Sono rimasta senza parole, è paradossale acquistare qualcosa di compostabile e ritrovarsi con una confezione inquinante.

Anna Simone

Un pensiero su “Spugna Konjac, come si usa per avere la pelle più bella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...