Run For Parkinson’s, la corsa di solidarietà

Riscatto, empatia, solidarietà e altruismo, c’è questo nella Run For Parkinson’s, un percorso di corse lungo tutto lo Stivale che toccherà 20 città. L’intento è radunare pazienti, amici e parenti di affetti da Parkinson, ma anche sostenitori e runner, per testimoniare l’impegno e la solidarietà verso chi ha sviluppato la patologia e raccogliere fondi per realizzare progetti a favore dei malati e delle loro famiglie.
1537800_624925720901067_1468386321_oUna bella iniziativa nata in Spagna nel 2010 da un’intuizione di un gruppo di malati di Parkinson, proprio come metafora degli ostacoli che quotidianamente chi ha a che fare con questa patologia deve affrontare.
L’anno successivo la manifestazione è arrivata anche in Italia, grazie ad Aigp (Associazione italiana giovani parkinsoniani), dando vita a due grandi eventi che si tennero a Milano e Venezia. Oggi gli iscritti sono tantissimi a testimonianza del fatto che se da una parte il Parkinson non si ferma, dall’altra le persone non sono disposte a interrompere la loro marcia verso nuove sfide.
Run For Parkinson’s ha preso il via il 26 marzo e toccherà 20 città con apice sabato 8 aprile, data nella quale si correrà la corsa di punta organizzata dall’Aigp che si svolgerà al Parco Nord di Milano, con il supporto di Parkrun e IdeeGreen.it.

running-1081694_640“L’incontro con IdeeGreen.it e Parkrun è stato una piacevole scoperta e ritrovare in altri la nostra voglia di correre con l’obiettivo di superare i propri limiti e non per ricevere una medaglia, è stato ciò che ci ha uniti”, spiega Claudia Milani, presidente di Italia Run4Parkinson’s. I runner di Parkrun corrono per migliorarsi costantemente e per vincere l’unica sfida che non bisogna mai perdere, quella con se stessi. Continua a leggere “Run For Parkinson’s, la corsa di solidarietà”

Come pulire i contenitori cosmetici per poi riciclarli

Riciclare è una delle parole d’ordine che bisognerebbe far entrare di più nel nostro vocabolario di vita quotidiana. In campo cosmetico si possono riciclare i contenitori di creme, lozioni, detergenti, saponi e così via, dandogli una seconda vita.
contenitori-cosmetici
Il punto di partenza è terminare il prodotto, dopo di che va pulito per bene. Come? Per quelli non unti basta lavarli con acqua e detersivo ecologico per piatti, risciacquare e lasciare asciugare i contenitori all’aria senza chiuderli. Se sono unti di burro, olio o emulsioni grasse meglio metterli in ammollo nell’acqua calda con qualche goccia di detergente biologico, un cucchiaio di bicarbonato di sodio e mezzo bicchiere di aceto di vino bianco. In ultimo, strofinare con una spugna.

A volte potrebbe rimanere traccia della fragranza del cosmetico contenuto in origine, per eliminare gli odori è efficace riempire i contenitori già puliti con un mix di acqua e bicarbonato e lasciate riposare un giorno. In alternativa, forma permettendo, si può lasciare un fondo di caffè, sempre per un giorno. Continua a leggere “Come pulire i contenitori cosmetici per poi riciclarli”

Idee regalo: caraffa filtrante

Rientro nella normalità: per acquistare i regali di Natale mi riduco all’ultimo e anche per preparare la valigia quando devo partire. Per il resto faccio le cose in anticipo. Quest’anno mi sono stupita di me stessa: a zia Giovanna ho già preso un regalino che le sarà utile, cioè una caraffa filtrante per l’acqua del rubinetto.
Si lamenta sempre che deve comprare le casse di acqua confezionata perché quella del rubinetto la trova troppo dura, ora non sarà più schiava del supermercato.brita-fill-enjoy-fun

Ne ho scelta una che si chiama Fill&enjoy, è prodotta da Brita. L’idea mi è venuta perché proprio quelli di Brita qualche mese fa mi avevano inviato una caraffa filtrante in occasione di 50 anni aziendali, allora ho pensato “prendo l’ultimo modello per zia Giovanna”. Detto e fatto: un pensiero in meno!

Questa caraffa ha un filtro che riduce la durezza temporanea dell’acqua e la presenza di altre sostanze (come cloro, piombo, rame, se ci sono). Per semplificare la vita – personalmente amo la semplicità – ha poi un indicatore elettronico sul coperchio che ci ricorda di sostituire il filtro ogni mese. Insomma, basta mettere l’acqua del rubinetto e il gioco è fatto. Continua a leggere “Idee regalo: caraffa filtrante”

Dove acquistare prodotti ecosostenibili

Tu dove compri le cose ecosostenibili? È una domanda che mi fanno spesso. Che si tratti di prodotti cosmetici, carta, detersivi, cancelleria eccetera: chi non vive in città a volte ha difficoltà ad acquistarli.

ecowellTra i siti dedicati alle referenze green vi segnalo minimoimpatto.com. Di recente mi hanno invitata a provare alcuni cosmetici biologici di Ecowell e Masmi. Ve ne parlo perché i lettori di Ecospiragli possono avere un 10% di sconto su tutti i prodotti Ecowell (il codice da scrivere al momento del carrello su minimoimpatto.com è ecos16, valido fino al 6 gennaio 2017).

Cosa sono Ecowell e Masmi
Ecowell è una linea di cosmesi biologica a base di oli essenziali (creme, shampoo, saponi e prodotti per bambini, oli). Dagli ingredienti al sito di produzione, dai processi di lavorazione al prodotto finale, tutto è garantito dalla certificazione Icea.
In particolare, io ho provato: il tonico viso, che lascia la pelle tonica e idratata; la crema contorno occhi, con acido Ialuronico e vitamina E, che nutre in profondità contrastando l’insorgenza delle odiate rughe; il detergente intimo, a base di acqua di Mirto biologica ed estratto di Camomilla che proteggere la pelle delle parti intime. Sono tutti prodotti con formulazioni molto delicate e profumazioni blande perché naturali, come piacciono a me. Le confezioni sono carine: piccole, dal design pulito e siccome sono concentrati sono pratici da tenere in bagno e portare in viaggio. Continua a leggere “Dove acquistare prodotti ecosostenibili”

Ghe pensi mi, l’app per segnalare il degrado delle aree verdi di Milano

Dal dialetto alla tecnologia. Ghe pensi mi, espressione dialettale milanese che in italiano vuol dire ci penso io, ora è anche il nome dell’app che permette ai cittadini di sollecitare interventi nelle aree giochi, nelle aree cani e in quelle dove sono presenti degli attrezzi sportivi. È stata sviluppata dal Comune di Milano per coinvolgerci a collaborare con l’amministrazione, inviando segnalazioni se qualcosa non va oppure è rotto.
Mi sembra un’ottima trovata per coloro che vivono nella città meneghina, che ne dite?
ghe-pensi-mi-app-app-degrado-app-zone-verdi

Continua a leggere “Ghe pensi mi, l’app per segnalare il degrado delle aree verdi di Milano”