Onde elettromagnetiche dal pc, difenditi con il cactus!

cactus

Il cactus aiuta ad assorbire le onde elettromagnetiche generate dal pc. Qualcuno pensa sia una mera leggenda, altri sostengono sia vero.

Io ho scelto di stare con i “pro-cactus”, tanto anche se non fosse vero una pianta grassa non ha mai fatto male a nessuno, anzi fa bene all’ambiente!

Vicino al mio pc ho piazzato da un lato un cactus molto carino che dovrebbe difendermi dalle onde elettromagnetiche, e dall’altro un vasetto con del rosmarino che aiuta a farmi sentire energica, concentrata e motivata.

 Da quello che ho inteso il cactus si deve posizionare il più possibile vicino allo schermo (lo stesso discorso vale per lo schermo della televisione) e affinché possa evitarci tutti quei sintomi provocati dalle onde elettromagnetiche, mal di testa incluso!

Una pianta di 30/40 centimetri è in grado di assorbire oltre il 25 per cento delle onde presenti nella stanza. Non le servono attenzioni particolari, basta innaffiare qualche volta durante il mese e il gioco è fatto! Non dimenticatevi che a differenza delle altre piante produce ossigeno di notte e rilascia anidride carbonica durante il giorno, quindi fate cambiare l’aria più volte!

Io sto provando con lo scudo naturale contro le onde elettromagnetiche … mi ricorda tanto quello invisibile dei robot nei cartoni animati 🙂

Voi che fate, lo mettete un cactus verde vicino al pc?!

Anna Simone

3 pensieri su “Onde elettromagnetiche dal pc, difenditi con il cactus!

  1. Ragionamento scientificamente ineccepibile.
    Quand’è che ti farai la prossima pera di cactus?
    Cactus, cactus non è possibile!

    Ti bacio lo stesso anche se fai tanto cactus.

    Mandi,
    Renzo Riva

  2. Max

    Quindi se assorbe il 25% delle “radiazioni”, prendono molto meno radio, cellulare, WiFi,televisione… Il cactus sulla scrivania è carino, ma basta con queste leggende metropolitane!

  3. Max

    P. S. Se vuoi ridurre le onde elettromagnetiche è meglio una lastra di alluminio collegata a terra, ad esempio toccando, un calorifero, oppure chiudendo l’elettore di onde in una scatola metallica, o anche mettendoci noi nella scatola… Proviamo a confrontare la differenza di effetto col cactus 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...