Abbronzatura sì, ma con protezione solare

Posted by

Protezione solare per il viso e non solo. Durante la bella stagione mettiamo in pratica dei comportamenti che possono danneggiare la nostra pelle: il sole è nostro amico, però tutte le persone, chiare o scure di pelle, devono proteggersi dai suoi raggi.
La protezione solare adeguata dipende dall’intensità dei raggi ultravioletti, dall’attività che si fa, così come dalla durata di esposizione al sole.

I raggi UV
I raggi UV- A
costituiscono circa il 95% dei raggi UV e penetrano fino allo strato intermedio della pelle (derma) causando la pigmentazione immediata senza infiammazioni visibili, ma sono i principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo con rughe profonde, pelle secca e ispessita; sono così potenti da attraversare anche i vetri delle finestre.

I raggi UV- B costituiscono circa il 5% dei raggi UV e si fermano alla superficie della pelle (epidermide) dove possono danneggiare le cellule, da qui eritemi seguiti da una pigmentazione duratura e dall’ispessimento dello strato corneo (ipercheratosi). Sappiamo che la radiazione UV- B e, in minor misura la radiazione UV- A, hanno un effetto cancerogeno sull‘epidermide, quindi è bene essere prudenti perché “la pelle ha memoria”.

 10 consigli dell’Azienda sanitaria dell’Alto Adige per una esposizione corretta

abbronzatura 2.jpg

1Protezione solare sempre, ovunque e per tutti: sul balcone, in montagna, al mare, per strada, in gita scolastica, durante lo sport, sul lavoro e così via. Non solo d’estate, ma anche d’inverno, considerando che le superfici molto chiare come quelle coperte da neve riflettono i raggi e ne rafforzano l’effetto. Ricordiamoci che in primavera i raggi solari sono piacevoli, ma colpiscono la pelle, mentre d’estate un cielo coperto non ci protegge dai raggi UV.

2Evitiamo il sole quando è più intenso, soprattutto tra le 11.00 e le 15.00.  Per tutte le attività all’aria aperta come fare sport, camminare e lavori in giardino sono da preferire le ore mattutine e pomeridiane.

3L’ombra non ripara completamente dal sole: le radiazioni riflesse per esempio dalla sabbia, dal cemento, dalla neve o dalla radiazione laterale ci sono sempre.

4Gli indumenti contribuiscono a proteggerci dai raggi UV, quindi non dimentichiamo il cappello. Meglio i tessuti a trama fitta perché parte dei raggi UV oltrepassano i tessuti leggeri. Attenzione: il cotone lascia traspirare la pelle, ma assorbe poco i raggi UV- B, a differenza del tessuto in poliestere che dà una buona protezione, anche se stimola la sudorazione. Anche il colore e il taglio degli abiti sono importanti, infatti, è vestiti scuri e larghi proteggono meglio di quelli chiari e stretti.

5Gli occhi devono essere protetti. Indossiamo occhiali da sole.Un’eccessiva esposizione ai raggi UV danneggia in modo permanente cornea, cristallino e retina. Per questo gli occhi dovrebbero essere protetti con un occhiale da sole quando si sta all’aperto. Al momento dell’acquisto è importante valutare la grandezza delle lenti, quelle piccole e rotonde lasciano passare la luce UV di lato, meglio le lenti di colore marrone o grigio. In ogni caso gli occhiali da sole di qualità si riconoscono dalla dicitura “UV-400”, “100% UV” e dal simbolo CE.

6Applichiamo sulle parti scoperte del corpo un prodotto solare adatto. Il fattore di protezione solare (SPF, Solar Protection Factor) è un numero indicato sul cosmetico che contiene filtri solari e definisce la capacità di filtrare i raggi UV in particolare da radiazioni UV- B. Più il numero è grande più alta è la protezione.
Le persone molto sensibili con pelle che non si abbronza mai o che si arrossa regolarmente, devono adottare una protezione alta (SPF almeno del valore di 30). Persone con pelle scura possono usare prodotti solari di classe media (SPF 20). Nel dubbio specie per i bambini si sceglie un prodotto solare con fattore di protezione più alto e si riduce il tempo di permanenza al sole.

7Usare il prodotto solare in modo generoso e prima di uscire. Il prodotto solare va spalmato con generosità sulla pelle prima di uscire non dimenticando orecchie, naso, labbro superiore, cuoio capelluto, scollatura, nuca, spalle e dorso del piede, tutte zone molto sensibili e fortemente esposte al sole.

8Riapplicare il prodotto solare con cura.Vanno usati prodotti con alto fattore di protezione e resistenti all’acqua così da non andar via con il sudore.  L’effetto protettivo si riduce con il nuoto, la sudorazione, l’asciugarsi e lo sfregamento dei vestiti sulla pelle perciò il prodotto solare deve essere riapplicato con cura.

9La protezione solare assoluta non esiste. Neanche un prodotto solare con fattore di protezione alto è un lasciapassare per una permanenza illimitata al sole. Nessun prodotto riesce a bloccare del tutto i raggi UV perché una certa quantità passa comunque Bisogna spostarsi all’ombra o all’interno prima che la pelle cominci ad arrossarsi.

10 La pelle dei bambini richiede sempre una protezione particolare. Nei primi anni di vita i meccanismi protettivi naturali non sono ancora pienamente sviluppati; tra l’altro i bambini passano più tempo all’aperto rispetto agli adulti. Si stima che entro il 18esimo anno di vita la pelle abbia avuto mediamente il 75% delle radiazioni UV di tutta la vita. Ogni scottatura in età infantile aumenta il rischio di sviluppare un tumore della pelle durante la vita. Per questo i dermatologi sconsigliano di esporre i bambini fino a un anno di età alla luce diretta del sole. A partire dal secondo anno di vita i piccoli possono godersi il sole, ma soltanto per breve tempo e non nelle ore calde. Il bambino deve avere il cappello con protezione della nuca, maglietta, pantaloni lunghi e occhiali da sole, mentre su tutte le parti scoperte va applicato un prodotto solare in grado di proteggere dai raggi UV -A e UV -B con un fattore di protezione almeno del valore 30.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...