Una pianta è per sempre

Le piante di ciliegio quest’anno portano molti frutti. Stanno maturando pian piano, e come succede a ogni primavera la maggior parte delle ciliegie andrà persa. Le mangeranno gli uccelli, i calabroni rossi, le formiche e via dicendo, non finiranno tutte nella pancia degli uomini.

Vivo in campagna, per ora, e sono circondata da verde e piante. Tutto quello che c’è, lo ha piantato mio nonno Bernardino. Lui era un grande contadino.

Ricordo quando commentava i suoi innesti, la qualità dei pomodori, delle zucchine, delle melanzane, dei peperoni. Ricordo quando parlava di luna crescente e luna calante per seminare o per raccogliere. Ricordo quando se la prendeva con il tempo che lo costringeva a cambiare i sui “piani agricoli”, o di quando si consultava con gli altri contadini su quando iniziare la raccolta delle olive o quando dare il verderame. Ricordo quando si rompeva il motore del pozzo o si lesionava il budello dell’acqua e si arrabbiava! Innaffiava le fave, il grano, i fagiolini, i pomodori… c’erano delle coltivazioni infinite 🙂

Ricordo che si alzava presto per fare tutto quello che c’era da fare, ricordo che mia nonna cucinava sempre la nostra verdura.

Adesso… devo smettere di scrivere altrimenti mi metto a piangere, sono di lacrima facile. Mio nonno me lo ricordo bene e lo ritrovo in ogni pianta che lui ha piantato, secondo me una pianta è per sempre!

Anna Simone

Un pensiero su “Una pianta è per sempre

  1. Pingback: Nonno e nipote: vigneto, pesche e mele |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...