Gelato artigianale, quanto mi piace: meglio se a Km 0!

Quanti gelati state mangiando con questo caldo? Io tanti, lo ammetto: speriamo che la prova costume non sia traumatica!
Preferisco quelli artigianali con ingredienti freschi, a differenza di quelli industriali che contengono latte in polvere, oli vegetali e additivi vari.

Dallo scorso anno è nato anche il marchio Artigelato, come certificazione del gelato artigianale italiano. E’ un simbolo di un cono con una foglia intinta nel latte. Questo vuol dire che certificano un 65/70 per cento di latte nel prodotto e delle percentuali fisse di frutta,  garantendo la qualità.

Oltre al marchio, preferisco orientarmi verso le gelaterie artigianali che utilizzano solo prodotti di stagione e a km zero e si riforniscono da produttori locali. Non preoccupatevi, non dovete fare ricerche estenuanti prima di gustarvi un gelato, di solito è tutto scritto all’interno della gelateria.

Ricordatevi, inoltre, di optare per il cono e non la coppetta per inquinare meno. Del cono infatti non rimane nulla: mangiate tutto. Le coppette, di qualunque materiale, hanno bisogno di essere smaltite!

Anna Simone

Forse potrebbe interessarti anche:

Gelato naturale, i consigli di MadreTerra’s

Il gelato inquina? Non si può sentire

6 pensieri su “Gelato artigianale, quanto mi piace: meglio se a Km 0!

  1. Ciao Anna! Condivido…meglio il gelato artigianale! Anche se dobbiamo comunque stare attenti ai gusti. Sono ancora molte le gelaterie che utilizzano le polveri (ad esempio per creare gusti un pò “strani”). Meglio scegliere gusti di cui siamo più sicuri, come quelli alla frutta. Comunque è diventato facile constatare se il pistacchio, ad esempio, è fatto con prodotti igp oppure no (quello verde verde, al contrario di quello che molti possono pensare, contiene coloranti! Il vero colore del pistacchio si avvicina al marroncino). Eh si, meglio il cono perchè dopo non ne rimane traccia 😉 anche se io ho trovato anche la coppetta che si mangia! E’ fatta come il cono, a forma di coppa ovviamente, e resiste al gelato sciolto! L’ho trovata in una gelateria a Spotorno (Savona) ma sono sicura che lo hanno anche altre! Ebbene si lo ammetto…sono una grande mangiatrice di gelato e…ho lavorato in una gelateria ;D

  2. Ciao Elena, hai ragione: massima attenzione ai gusti che scegliamo.
    Se mangiare ad esempio un gelato alla pesca in pieno inverno non possiamo di certo sperare in un prodotto fresco!
    Per le coppette fatte di biscotto non se ne trovano tante in giro, quando le vedo prendo sempre il gelato in coppetta-cono perché io, con il cono tradizionale, mi sporco sempre peggio dei bambini 🙂

    Credo sia fantastico lavorare in una gelateria, tu hai un buon ricordo?!

    1. Beh mica tanto! La maggior parte dei clienti (ma questo avviene in tutte le attività commerciali) a volte fanno delle sparate assurde! Ce ne sarebbero da raccontare 😉 Comunque mai dare retta a chi dice “Dopo un’intera stagione ti verrà la nausea!”…io sono ingrassata e ho iniziato ad adorare le crépe alla nutella, affogati e mix di granite (di vera frutta) ;D Ma a parte gli scherzi è stata una bella esperienza. E da lì ho imparato a riconoscere il vero gelato da quello in polvere. Beh diciamo che non è una cosa complicata, basta avere occhio e bocca buona. Ma ancora tanti non sanno la differenza. Non sai quanti mi dicevano “ma quello non è pistacchio! Non è verde brillante!” e tu valle a dire che quello verde brillante ha i coloranti e non è naturale!

  3. Pingback: Il gelato inquina? Non si può sentire! |

  4. Pingback: Gelato naturale, i consigli di MadreTerra’s! |

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...